Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni


Uccelli d'Italia

Testo mandato da Fabio Fantini

Indice dei testi

Dottor Palmito

Pace, Bigazzi, Savio

- Avanti!
- Eh, ci sono i grilli, i cos... Dottor Palmito?
- Buongiorno.
- Buongiorno... eh, devo dire la verità, io qui mi trovo male...
- Qui, nel... nel mio studio?
- No, nella sua... nella sua clinica brasiliana, perché ogni tanto mi si apre la porta e succedono cose de pazzi. Insomma, questa plastica me la fa o non me la fa, perché sono sei mesi che sto qui e non succede niente... son rimasto sempre con il... la suppostina. O me la fa, o non me la fa... ecco, se n'è andato il Dottore... Dottore? Dottore? Eh, scappa sempre... Dottore? Quando c'è da fare con le donne, vvv... è pazz... Palmito? No, io mica ho detto i Palmiti... i Palmiti, questi qua... Dottor Palmito? Scusi, signora... carine... sì, va bè, lasci perdere. Dottor Palmito? Dottor Palmito?
- Sì, sì... no...
- Dottor Palmito?
- Sì.
- Dottor Palmito? Ma... ogni tanto scompare, ma dove va? In una...
- La sua... la sua è una malattia psicologica, io glielo dico...
- Anche la sua, perché ogni tanto scompare in queste feste, questa clinica...
- Lei non deve pensare di averlo una debolezza averlo due centimetri di...
- Ho capito, ma lei ogni tanto mi deve spiegare perché se ne va via in queste feste...
- Perché Freud ha parlato dell'immortalità dell'anima e... la medicina deve avere una... un'allegria...
- All'anima della mortalità di chi t'è muort, però lei ogni tanto scompare, diventa pazzo e va via... Ah, marò... Palmito?
- Mi lasci stare! Mi deve fare arrabbiare...
- Non li vendo i Palmiti, questo s'è fissato... il dottore si chiama Palmito. Ma che festa strana che è questa qua. Dottore?
- Ma mi lasci, lasci che...
- Eh, raddoppio... Dottor Palmito? Ma me lo fa questo piacere o no?...
- Aspetti, aspetti che... Sì sì sì...
- ...Mo' se mette pure a chiavà...
- Sì sì sì... Oh. Oh. Le volevo dire: la sua è una malattia psicosomatica...
- Sì, però la sua sarà una stronzata però ogni tanto se ne parte...
- Lei pensa di averlo di due centimetri...
- No, io ce l'ho!
- No, invece lei ce l'ha molto molto più lungo...
- Sì, e allora quella quella quando... quando succede e quella ride, che gli devo fare, i depliant, a quella lì?
- Ma, ma la donna lei la deve chiavare con l'anima, non col corpo.
- Eh, però quella l'anima la piglia da me, e il corpo se lo piglia da un altro, e io qua c'ho due corni qua che sembrano i... il cervo di... a primavera. Eh, mo' se ne va n'altra volta, che è arrivato...
- ...Ma se vado....
- Eh, ho capito, però qua è ogni volta... oh, te l'ho detto mille volte, io i palmiti non li vendo, guagliò, vattenne! All! Eh, enta i palm... il dottore si chiama Palmito. Non ho niente nelle, nel... nelle tasche. Vattenne, Totò! Dottore?
- Ma lasci un secondo ancora, che sto...Sì, sì, sì...
- Eh, no...
- Sì...
- Asciugamani?
- Asciugamani. Eh. Come le volevo dire...
- Però, perché se ne scappa ogni tanto?...
- ...anche Feuerbach ha trattato questo...
- Sì, anche Fogli ha cantato a Sanremo, però...
- No, Feuerbach...
- Ah, Foi...
- ...la filosofia tedesca ha trattato la... e lei non deve pensarlo di avere... non deve pensare di avere due centimetri... di cazzo...
- Lo vuol prendere un po' in mano, dottore, che vede com'è... che a me questo non mi sembra neanche un...
- No, no... no, no... non è male... non è male...
- Eh... piano, piano, piano...
- Non è male...
- ...che perdiamo la causa...
- Non è male...
- ...oh, ma almeno qua reggo... Oh, dottore, mo' se ne va n'altra volta?
- No no, questa volta rimango.
- Perché c'è... le due basi...
- Sì sì, potrei avvicinarmi un po' di più?
- Dottore...
- Le faccio lo sconto sulla visita.
- Dottore, lei m'imbarazza.
- No no, mmm... mi faccia avvicinare un pochettino...
- Dottore, lei m'imbarazza.
- S'allunga. S'allunga.
- Eh, s'allunga che? La base...
- No no, s'allunga. Non è più cinque centim... due centimetri.
- Scusi un attimo, devo dire qualcosa a questo ragazzino...
- Sì.
- ...i palmiti, io non li vendo. Te ne vuoi andare di qua? Ma c'ha una mamma, questo idrofubo che sta qua vicino, Capo di Bomba, vattene via! Dottore?
- S'allunga.
- Eh, s'allunga il conto pure...
- No no, s'allunga.
- Solo il conto s'è allungato fin adesso. Dottore, stia fermo, cosa fa? Mi bacia... C'ha pure il rossetto, la dentiera, mi sputa in faccia... Ma questa non è una clinica, io me ne torno in Italia. Vado ad Avellino. Io me ne vado. Tassì? Oh, i palmiti non ce l'ho io, vattenne! All, cu' sti palmiti! Vatt'a comprà 'nu cocco, vafancul'a mammeta...

Gli altri testi

Le canzoni degli Squallor

Le canzoni di Daniele Pace

Le canzoni di Totò Savio