Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

El Toro

Autori: Pace, Bigazzi, Savio

Testo mandato da Fabio Fantini

Indice dei testi   Compralo su Amazon

- Zero zero cinco venti ocio - tric - ventidues - tric - setember - tric…
- Tu tu tu tu tu… Senor…
- Me passa por favor el toro…
- Senor… i xè ocupato…
- Me lo ripassa… Zero zero venti tris cinco de la tarde - tric - ventidue - tric…
- Desculpame senor, de la tarde cosa vuol diros?
- Me passa per favor senorina el toros, senoritas? Me passa el toros?
- Le membra mesnemes… el naumes?
- Il nome… Minchias Apasitas Osticchios Muertos.
- Sono pratico, lo prendo subito.
- Dimme toro, che faras stessas stesse tarde?
- Ma che vuo' a me, i' so' napulitano… quale toro e toro…
- Io te devo matar…
- I' so… io so' nu' femmenello…
- Io te devo matar…
- I' t'aggia mattà a te e quella cantera 'e mammeta… io so' 'nu ricchione… mi so' trovato in questa strada con tutti questi maschioni, mi sembrava di vivere un'altra epoca, ma io t'aggia dicere a' verità, a me 'a corrida me fa schifo, i' quando vedo il torero con quello straccio rosso mi vengono le mie cose…
- Por favor toro, nun me far far una brutta figura stasera io celebro il mio treomfom…
- Ma come ti chiami tu, scusa, di'… me lo vuoi dire per piacero?
- Palermo.
- Chi è?
- Eh… Il torero che… che celebra il suo trionfo stase… sesse tarde.
- Dunque, sulla ruota di Palermo ti puoi giocare il quattro, il quattrocchi e il quarantotto, a me mi è romper' o cazzo che qua sto nella mia riserva di tori… c'è Toro Selvaggio, quattro toreri ammazzati questo qua, questo è un fenomeno, era di una bellezza impressionante. Tu lo vedi adesso che è un po' moscio, ma quello quand'era… quand'era un toro vero ve… un toro vero vero vero vero vero quello mi faceva impazzire… me lo dava tutto qua, tutto qua e tutto llà… e tu a me mi vieni a di', l'ultima corrida, ce pass' p'o cazzo a nuje… Vai, Barracù… Olè…
- Olè…
- Olè lo dico io… olè… Eh, ha da' dire o' posto a me… vai preciso, vai un'altra… un'altra stalla, qua ce ne so' due, c'è la stallastalla e stallastalla uno… proprio qua dovevi venire, nella mia riserva di tori…
- Ma per favor, io te quiero, io te quiero, famme far un'altra marcheta, me manca un toro per la pension, te prego…
- Beh, ma… scusa, ma come te chiami tu?
- T'ho già ditto prima, te l'ho già ditto prima…
- Eh, ripeti, che mi dà un po' di fastidio se lo ripeti…
- No, te prego, un toro solo per la pension, a casa ci sono i ninos che hanno fame.
- Senti, ninos, qua non ce so' cazzi da appendere, noi qua c'abbiamo da fare. Io c'ho… l'impresariato di tutti i tori. Mi sono accasato. Dunque, il toro nero l'ho dato a Ballandi, piglia sette milioni a sera, e va a fare il teatro tenda alla faccia tua. Questa pensione a noi non ci riguarda.
- Te prego…
- Io c'ho tutti gli impresari sotto di me… anzi, il prossim'anno vinco anche il festival del toro di Sanremo.
- Olè.
- Olè.
- Olè l'ho detto io. Olè.
- Che succede?
- Chiara… caragnos…
- Chi è?… Carogno… Carogna. Chi sei, carogna?
- No me fa caragnar perche io…
- Eh… scusi, signor torero, qua c'abbiamo da fare. Eh… la base è finita, Totò mi fa i segni, vattenne… Oh, ci siamo liberati di questo cacacazzo…

Gli altri testi