Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

Il tempo delle rughe

Autori: Pace, Bigazzi, Savio

Testo mandato da Fabio Fantini

Indice dei testi   Compralo su Amazon

Giuro davanti a Taddeus di esserti fidelis per due diesis usque ad vulvam tempora rugae.
In dotis quantum portat in dettaglio?
Quinto lenzuolam federasque novam sine qua non.
Lentopede lentopede memento sesterzi, non loqueri cum pater tuo mai.
Quanta fellatio facisti cum Marco Tullio, consulem ad interim Craemonae gallicum?
Habemus domus patritiam cum terme sulfuree [colpo di tosse] per bronchi.
Habemus bigam? Non Fiat, che non habemus, cazzi Fernet brauliu Averna Petrus Bonekamp.
Odio, odio mater tua. Mai, mai, in mea domo sine nervos carpere.
Pertramente, anticipo necessitat pro mea et pro meis severo secondino corrompere per mea fugam velocissima.
Proxima idi marcus terza horam pomeridiana, non prima, attendo te, in Via Appia, vicino Bar dell Sport:
Mihi riconoscere giornale risi et canzonem sotto tunica.
Tuo Antonius denominato 'O Chiattone.
Pop scrittum: T'issa scurdarem? Non abbandonare me in via pubblica
Con viavai centurionem che guardano storto.
Ego in galera non volo.
Post post post scriptum: T'issa scurdà? No... T'issa scurdà?

Gli altri testi