Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

Pierpaolo sabato sera

Autori: Cerruti, Bigazzi, Savio

Testo mandato da Fabio Fantini

Indice dei testi

- Pronto?
- Sì…
- Casa Baratti-Forbini-Aratti-Boffa?
- Sì…
- Ah, sei tu, ah mamma mia, ma quanti anni hai, duecento…
- No.. Fatti i fatti tuoi… Ess… chi vuoi?
- Chiamami per piacere se sta ancora in casa e non l'hanno arrestato il mio papi…
- Sì… Signor duca? C'è suo figlio a telefono…
- Sì, ciao…
- Ciao…
- Senti… Ti volevo dire che io ti chiamo dal mio cellulare.
- Ah, il telefono?
- Non il telefono, proprio il cellulare dei carabinieri.
- Ah…
- …che ho fatto un tamponamento sulla via Emilia…
- Eh, sempre la solita…
- Altro che Emilia, mo' la chiamano la Sfregiata.
- Eh, capirai, quella…
- Siamo… in sei… Sì.
- Ah, chi c'è? Chi c'è? Chi c'è?
- Un fegato marcito, una cicatrice all'occhio destro ce l'ha Samantha.
- Ah, chi è?
- La figlia del conte.
- Ah, la conosco, mio conquilineo.
- Ma va'…
- Eh, come no…
- Poi c'è…
- Chi c'è?
- Teodoro…
- Ah, sì, lo conosco…
- Quello che il padre l'hanno arrestato due mesi fa.
- Una piccola cosa…
- Io…
- Sì… E la mamma?
- E la mamma, sì… No, la mamma non c'era in macchina, tu sei rincoglionito…
- E va…
- Quella stava in moto…
- Eh già, quella s'è messa o' vizio…
- C'ha sorpassato mezz'ora fa, andava in discoteca.
- Ti sei ferito? Eh…
- Sì, sono ferito, ma so' in discoteca.
- Ah, meno male, pensavo peggio. Divertite, vi divertite? Siete già sballati?
- Ecco, senti, siamo tutti qua…
- E che fate di bello?
- Pu pu, pu pu, pu he! Eh, così ci divertiamo noi, ma tu che cazzo vuò da me?
- Ma che vuò tu da me, vafanculo!…
- Sì, sì… ci siamo già fatti, eh… da un'ora. Perciò siamo andati in ospedale: la robba qua non c'è, in ospedale c'era…
- Vai dal mio medico personale…
- Il medico, un amico nostro… Sì, c'ha dato trucc trucc marescià, aramico, sodamito… parole in codice…
- Eh, avevo capito, non ti preoccupare, avevo capito, avevo capito…
- Sì, c'è… è buona, è buona, eeeeeehh…
- Portala un po' pure… eventualmente… eventualmente portala…
- Sì, sì… No, vafanc… sc.. scusa. Manda l'assegno…
- Eh… se no non te lo mando, eh…
- Manda l'assegno che divento… una vipera.
- Tu già sei di natura così.
- …M'ingrifo…
- Eh…
- Tu mandi il solito assegnino più IVA, perché mo' c'hanno 'e tasse pure 'e puttane.
- Già spedito, già spedito…
- E c'è la minimum tax.
- Eh…
- Sì…
- Pure quella ci voleva.
- Va bè…
- Dimmi.
- Sììììì…
- Parlami chiaramente.
- Rimaniamo così?
- E così, come vuoi rimanere?
- Va bene. Ciao.
- Ciao…
- E' finita la base?
- No. No…
- Finita? No… Non di… va bè… Senti…
- Sì, dimmi, dimmi, dimmi…
- Andiamo piano, tanto a noi... che ce ne fotte…
- Piano, io qua sto… C'ho la sedia…
- Sì, sì, sì…
- …Scaldata dalla tata…
- Oh, parli sempre tu, però!…
- Oh, una parola ho detto io, una parola ho detto…
- …E giugno lo ristora. Hai messo il piede nella sabbia.
- Ma non è quello, il piede quello si dice un'altra maniera…
- Sì, ciao… Vieni, vieni, vieni…
- Vengo, ve'…
- C'è tre fighe qua…
- Dove sono, come sono? Carine?
- C'è una la chiamano Lingua di Fuoco…
- Ah…
- Fa certi bocchini che… come apre la… la bocca, già hai goduto.
- Bene, fa piacere.
- Ah. Ah. Ah. E no. Non te lo dico, non te lo dico…
- Portala, portala… portamela… Dimmi, dimmi.
- Tu dovresti sapere ma io non te lo dico.
- Dimmi, carogna, dimmi.
- Sì. C'ha tre mani. Eh…
- A! A! A!…
- Nel senso buono…
- A! A! A!…
- Senso buono…
- Ah, Ah, va bene…
- Non è censurabile perché è senso buono.
- Va bene, hai ragione, stavolta hai ragione, te lo voglio proprio dire…
- T'aggio mis' n'culo, a te e a Ragni…
- E non essere sempre così, non ess…
- Va bene, questa è un'altra storia, già l'ho detto nel brano prima…
- E non me lo ricordavo… se…
- Comprate gli ellepì perché qua… non c'abbiamo una lira, eh…
- Eh, la situazione è pesante… è pesante, Pierpaolo… sen… va bè…
- Va bè, ti saluto, ti chiamo tra due o tre anni, dipende come… come eri sempre… Dipende dalle royalty. Ciao, ciao. Pagate. Ciao, ciao.
- Ma stu guaglione è proprio…
- Ciao, Formenti', vafanculo pure a te… ciao.
- Ma stu… Ma s…
- Ah, salutami la mamma, dagli un bacio, digli che io poi mi faccio sentire.
- Sì… va bene… va bene…
- Ciaooooo…
- Ma stu guaglione è proprio una testa di cazzo, me ne devo liberare una volta ogni tanto…
- Ciao… è finita la batteria, c'è una galleria… Ciaoooouaaaauuuaaaaoooo…
- Ancora lì? Mamma mia, e chi è, l'esorcista?

Gli altri testi