Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

Uh playboys

Autori: Savio, Bigazzi, Stella

Testo mandato da Christian

Indice dei testi

(Ricerca stazioni radio- si sentono "Non mi mordere il dito" "Introduzione" "Cornutone" e la frase "Nun se sente manco 'o cazz'")

-Oh parliamoci chiaro e?
-e a me lo dici
-Perchè io porca.. o parliamoci chiaro e? Perchè io adesso non c'e la faccio più.
-Stai parlando con me?
-Si, si, hai ragione si, sei venuta qui che sembravi la regina Elisabetta, tu sei una porca troia, sei una merda te lo dico io che sei una grandissima merda.
-E tu si nù bucchino, a me parl, vafanculo a chi te strammuort.
-Si me lo dicevi, piglia qui, piglia qui, piglia in mano il tartufo qua tartufo!
-E che tieni o' tartufo tu? Vattenne và...
-E ti porto a vedere la polo e non sei contenta. Ti porto a vedere Panatta e non sei contenta, ma cosa vuoi da me?
-E nu poco e' cazz' vabbuò?
-Faccio l'operaio, non so mica miliardaio io, so Agnelli? So Agnelli io?
-Ma vattenne va...
-So l'operaio no?
-Comm'e a fa stù coso in mezz'e cosce, va.

-Scendi no?
-Ma do vagg?
-Scendi dal piedistallo che non mi fai ridere cosi!
-Ma addo vaco?
-Con la calzettina lì quella cosa...
-Sii, mo me mett'o brunone.
-Si, cosi, se ti metti così mi fai più piacere
-Eeh, zocculone.
-Copri un pò li, no? no, si, no, li cosa c'è li? cosi sei uno schianto. Mi piaci così, e così mi fai morire. E allora lo vuoi s..stò tartufone?
-Si, ò tartufone...Quest'mi piace, e' Marlon Brando è arrivato.
-Oh così mi fai ridere, eh te mise la foglia an culo. Oh cosa tocchi che mi fai ridere, no?
-Ma vattenee
-Ma sul serio.
-Che fai, tu non sei napuletano.

-Si, che c'ha un idrante questo qui?
-No, è nu tubb.
-E madonnaaa, non lò mai visto così grosso
-Madonna che è nu miracolo?
-Che bella bestia.
-Che è successo che è così toust.
-Tu pensi se lo pigliassi così, madonna mia.
-hmm. E fossi nu poco ricchione tu?
-Bello, bello, bello.
-Eh che bestiun! Eh che bestiun!
-Ma piace o' cazz' a te?
-Eh non è possibile.
-Ma guarda quell'attusa lì, guarda quell'attusa li, come lecca quella li.
-Madonna mia
-Che schifezza, chisst, mammà.
-Uè, uè, uè, uè
-Maddonna mia che...
-Mi stà indurendo.
-Fa sentire nu poco.
-Me ne sfocio le ball. Mi stà indurendo.

-Oh ma levati nu poco a mutanda, va
-Oh no così, me lo fai venir moscio cosi.
-Tengo a mutanda spent.
-Un pò più sessi no!
-E che tieni? Terra voghen!
-Muoviti così!
-Ah cosi sei bell.
-Che cagacazz' che si.
-Stà un pò col culo così che mi fa impazzire.
-Così va bene?
-Ocio che scale, co 'o tupitù, tupitù.
-Si si vede a coscia.
-Ah ti piace così.
-Si, ti faccio na' perete in faccia
-Si fumati na' giubbek.
-Si, a coscia e' mammeta.
-Se fai così ti faccio un regalino che te quando esci con le tue amiche...
-Ah me piace.
-...quelle impazziscono.
-Ah fasi stè sigarette, che fuma Bartali.
-Va bene, vaffanculo, va! vaffanculo!
-Si.
-Vai, vai, vai, vattene a fare in culo, vai che me ne vado va.
-Si. E miei tre mila lire me le dai nata vota.
-Vado via, vado via.
-E tre mila lire come me le catto, in culo ai cazz'. Vafammocca a te, nun c'è rompere o cazz', ma vattenne tu, vafanculo a 'mmammeta, custa cosa in ta cassoniera, i te ne a cassoniera, ù palazzo e 'mmerd. Vattenne và, c'hai rotto 'o cazz', uh playboy's. Vattenne va. A chi rompere 'o cazz' cu sta casa e 'mmerd in via Giambelletti. Dicett' i vicini di casa, fanno paura le barche, me so imbarcato co stu strunzo ie. Vattenne a fammocca a chi te stramuort. Mo me ne vado a uere, va. Ah si? E pure a fett' a uere, o stereo, uè. Con l'impianto Aiduola. Si sente tuca, tuca, tuca, tuca forte in discomusic. A mma fa cu sta casa i 'mmerd, è meglio l'amplificazione della macchina, cu pigli in mano
a Totonn'.

Gli altri testi