Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

Berta 2 il cambiamento

Autori: Cerruti, Bigazzi, Savio

Testo mandato da Fabio Fantini

Indice dei testi

Berta, cazzo, ti ricordi di me? Sono Umberto.
Dieci anni fa avevo la seicento, con le cassette di Little Tony.
Scendi giù, che me la dai, cazzo.
C'ho un toro nelle mutande, che t'aspetta ancora.
Guarda la seicento cos'è diventata, un'auto blu, con l'autista.
Son della Lega

Senti, Umberto, m'hai rotto il cazzo, che gridi con questa voce strana,
a me che tu sei diventato senatore me pass' manc' p'o cazz',
io c'ho un uomo qua dietro di colore che fa paura,
c'ha una cappella che quella dei funghi è 'na mmerda,
c'ha messo pure l'aglio sopra, che non mi piace…
Che vuo', che strilli, e fai, e dici?
Che me ne 'mporta a me che te c'hai le televisioni, a me che me ne fotte, ah…

Vieni giù, cazzo, che sto morendo.
Mi stanno scoppiando i pantaloni.
Come vado in parlamento, a fare il cambiamento?
Vieni giù… c'è anche il mio amico, Forchettini…
Insomma, un amico… c'ha un fiatone…

Ma che vuo', tu e Forchettini… Jatevello 'n culo tutt'e due!…
Vi voglio vede'… 'A Lega Nord, 'a lega sud, 'a secessione,
ma che so' 'sti strunzat'e mmerda?
Vi siete montat' a testa? Pù! All'anima 'e chitemmuort…
Te e Forchettini. Ahhh… Me so' sfogata…
Pasqualo? Pasqualo? Mettimi giù gli spaghetti.
Pasqualo? Pasquà? Pasquà? Chist'è pure surdo…
C'ha il cazzo grosso ma è un po' sordo.
Metti gli spaghetti, com'è lung', quest'acqua non bolle mai…
Eh… Sì… Fai entrare il trenino del bambino. Fenino…
Gatto…. Vai giù, vai giù a mangiare, vai giù a mangiare, vai giù a mangià…
Amm' fa' chiù lung' Totò, 'sta base…
Eh, ancora… Sì, a 'faccia d… ancora?
Sì, mo' sta entrando il Bolscioi qui, nella stanza.

A Taranto uno, Villoresi zero. Novantesimo minuto.

Spegni la radio' all'anima 'e chitemmuort…

Berta! Berta, Berta, Berta… T'ho sognato per dieci anni,
cosa c'hai in mezzo alle gambe, l'Etna?
Io per te vado via dalla Lega e vengo al sud,
fondo il primo movimento Fica Unita Pigliatevella.
Non so che dire per farti convincere, t'ho portato i Mon Cherì Ferrero da Parigi…

Miettetell' n' culo…

Grazie…
Che devo fare, allora vado via, vado in comune.

Ma a Taranto, Taranto uno Venezia zero.
Milano, Milàn è 'n gran Milan, ma ce l'ho un po' in man.
Bossi è passato, è tutto finito.
Ci vediamo al prossimo ellepì. Arrivederci.
Qui da Woodstock vi salutiamo.
Ed ecco gli ultimi giornali, il giornale del giorno dopo.
Qui, sullo spallone a destra, c'è scritto fine.

Babba bia che brutta gente in Italia.
Scappare in Eritrea un'altra volta. Troppo casino qui, gatti, trenini, Bossi…
Mamma mia, vado via, va… ci vediamo prossimo ellepì.
Facciamo giù nella giugla, co' Tarzan. Ciao. Ciao.
Ciaooo. Spegni questa base, Totò. Totò? Spegni, spegni.
Spegni base, ho paura io, questa gente in Italia, troppi bianchi, mamm' d'o Carmine…
Cos'è questo? Io sono un povero negro, una grazia ti prego,
dillo alla pecora bianca, fa' sparì 'sta mutanda.
Fine. Chiuso.

Gli altri testi