Era meglio quando c'erano gli Squallor

Squallor: tutti i testi delle canzoni

Nouvelle Cuisine

Autori: Savio, Bigazzi, Marati

Testo mandato da Davide Da Lio

Indice dei testi   Compralo su Amazon

La nave posa cazzi,
al largo dell'Adriatico non porta segni di crociera.
Fare attenzione!

Com'era bella la mia Italia vista dall'alto!
Tornavo dalla legione straniera dove avevo passato 40 anni della mia vita
tra scoppiettii, palle e palloncelle.
Dall'alto dell'aereo scelsi un pezzo di terra nell'aria magnifica del Mediterraneo: Lampedusa
E lì, come una cosa fallica, scelsi il mio ristorante: un ristorante tipo Nuovelle cuisine.
Molto carino, con dei prezzi esagerati e da mangiare discreto.

Fondai tutto sull'insalata e il vino, e la natura e il mare che ci circondava.
Avevamo un dirimpettaio un po' astioso, ma non ci dava problemi: un missile prima dei pasti.
Servivo a tavola dei miei clienti rinomati un uccellino al bue soffocato nel miele,
con contorno di patatine saltate che arrivavano direttamente dalla cucina.
Una cacciagione che non c'era, e non la servivamo…
Ma era basato tutto sul pesce: tre cefaloni che avevo comprato nella radura:
uno di nome Filippo, Antonio,
e un capitone che si era informato se c'era da mangiare nel ristorante,
fu assunto da me personalmente.
Lo misi nome… anzi gli misi nome…non so se gli misi nome o si fu messo nome…
Si chiamava Capitone.
Bello, nella sua specie; un po' di sguattamento sui fianchi, e un po' di cellulite:
unico caso sui pesci!
Curato con Vichy, una crema schifosa pubblicizzata da Galà La Cinque.

E i menù andavano e venivano come dei pazzi: me li inventavo al momento…
Il nostro cibo preferito era risotto alla forfora e la prostata al forno: due piatti tipici dell'isola.
In quanto al conto non c'era da discutere perché era sempre salatissimo
Perché vicino al mare, perché il mare porta salsedine.
Ma un brutto giorno ci capitò un'avventura terrificnte:
la contessa Baratti Boffa Cardini Cioffa trovò nel centrillo uno scarrafone
che si portava il giornale: il Corriere della Sera.
Lei, imbarazzata, se ne andò e dette uno schiaffo a Filippo.
Costui si dimise, e con lui mi dimisi anch'io:
preso un volo dell'ATI AZ 45 (sembrava un dentifricio)
e me ne tornai nella legione straniera.

E così, chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato!
Scurdammuce 'o passato: siamo tutti italiani, ma all'anima di chi v'è muort'!
SPLAT!
E tieni: m'hai rovinato 'a vita, moscone 'e mmerda!

Gli altri testi